Segna-Libri: “Io e Betty”


George Hodgman "Io e Betty" Bollati Boringhieri

In questo libro un figlio adulto ripercorre la relazione con la propria madre, da cui non si è mai separato, prendendosi cura di lei ora che il padre è morto e lei soffre di demenza senile.

Ne emerge il ritratto di una donna combattiva, ancora bella, che si è impegnata moltissimo nella relazione col figlio, eppure si è sentita spesso inadeguata nel proprio ruolo; e di un figlio che, anche lui, si è sentito inadeguato rispetto alle aspettative familiari, fino al punto di non rivelare ai genitori la propria omosessualità, avendo paura del loro rifiuto. Un libro, dunque che parla di relazioni significative e di radici familiari progressivamente riscoperte, un libro in cui i silenzi e la difficoltà a comunicare lasciano pian piano spazio alle emozioni a lungo mascherate che permettono al protagonista di confrontarsi con il tema della perdita di chi ha di più caro nella vita, il padre e la madre, e al contempo di aprirsi alla vita nelle sue varie forme, non ultima quella di un cucciolo nero che risveglia la sua capacità di amare.

#segnalibri #BenedettaPazzagli

8 visualizzazioni0 commenti
  • Facebook B&W