Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Segna-Libri: “La meccanica del cuore”

March 12, 2019

Mathias Malzieu "La meccanica del cuore"

 

 

Se siete facili alle promesse di copertine seducenti e titoli accattivanti allora sappiate che questo piccolo romanzo le mantiene tutte.

Si, perché questo gioiellino racchiude in poco più di 140 pagine un caleidoscopio di temi ed emozioni a ritmo di pura poesia.

Il libro di Mathias Malzieu, che oltre a fare lo scrittore è anche cantante e autore di testi e musica rock,  sembra una ballata lirica, ricchissima di metafore, in bilico tra dolcezza e malinconia.

Quanto riesce a reggere un cuore il peso dell’amore?

Mentre seguo Jack, il giovane protagonista, nato nel giorno più freddo del mondo, con il cuore congelato, mi ritrovo immersa nelle mille sfumature dell’amore, da quello materno tanto protettivo quanto distruttore, a quello verso chi è diverso solo per chi non sa cosa sia l’essere unici, a quello per una minuta cantante ammaliatrice e traballante, a quello che si compra o che ti porta alla deriva, a quello che ci allena alla gelosia e all’insicurezza.

 

Mentre leggo mi imbatto in grandi temi come quello dell’emarginazione, della povertà, della sopraffazione dei forti sui più deboli, dell’alcolismo e della prostituzione e mi viene in mente la frase di De André: “Se non sono gigli, son pur sempre figli, vittime di questo mondo” perché è con questo spirito che vengono descritti.

 

Se si ha il cuore infranto, se girovaga per casa un adolescente alle prese con le prime cotte, se ci sentiamo un po’ diversi dagli altri e ne soffriamo, allora conviene salire in monopattino assieme ai vari personaggi, tutti meravigliosamente tratteggiati, e riscoprire l’ebrezza della vita, vada come vada.

 

 

 

 

 

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square