Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Segna-Libri: “Cercando Alaska”

July 3, 2018

John Green "Cercando Alaska"

 

Miles Halter, detto Ciccio, è uno studente brillante ma incapace di avere relazioni con i suoi compagni di scuola, perciò decide di andare a studiare in un college dove spera di riuscire a trovare ciò che cerca: Il Grande Forse. Al college diventa amico del suo compagno di stanza, detto il colonnello, che gli presenterà i suoi amici Takumi ed Alaska Young, una ragazza esuberante, intelligente, dall’animo inquieto, ideatrice degli scherzi più brillanti messi in atto al college, di cui Ciccio si innamorerà. Ciccio verrà subito sottoposto alla prima prova di coraggio da superare, perché un gruppo di studenti i ”settimana corta”, lo puniranno per la sua amicizia con il colonnello e lo butteranno nel lago, legato e imbavagliato, mentre affonda Ciccio non sente la paura, ma l’istinto di muovere le gambe per tornare in superficie. Il ragazzo correrà in camera di Alaska per chiederle aiuto e per cercare di capire perché è stato buttato nel lago, con il rischio di affogare, ma la giovane gli sbatterà la porta in faccia dicendogli: “Ciccio non sei più a casa da tua mamma, cresci!”. Ciccio turbato dal comportamento di Alaska tornerà in camera, dove spiegherà al colonnello l’accaduto e lui lo aiuterà a vendicarsi. Il tempo del college trascorrerà tra lo studio e l’organizzazione di scherzi clamorosi ad Aquila, l’insegnante responsabile di fare rispettare le regole agli studenti del college. Durante questo tempo Ciccio sentirà crescere il lui l’interesse per Alaska. Una sera trascorsa a bere, fumare e parlare tra amici, Alaska proporrà il gioco di raccontare il giorno più bello e quello più brutto della loro vita ed in quell’occasione racconterà ai suoi amici che da bambina ha assistito alla morte di sua madre, senza riuscire ad intervenire, né a chiamare l’ambulanza. Alaska porterà con sé questo dolore, che è all’origine della sua domanda esistenziale: “ come si fa ad uscire da questo labirinto (di dolore)?”. In occasione dell’anniversario della morte di sua mamma, Alaska entrerà in crisi per il fatto di essersi dimenticata di andare al cimitero a trovarla, per portarle delle margherite bianche, come tutti gli anni. In uno stato confusionale, dovuto anche all’eccesso di alcol, Alaska partirà di notte con la sua auto per andare al cimitero da sua mamma e nel tragitto morirà, schiantandosi contro un’auto della polizia. Ciccio, il colonnello e Takumi, sconvolti dalla notizia della sua morte, dovranno confrontarsi con i loro profondi sensi di colpa, che li indurranno ad iniziare un percorso di ricerca di indizi per capire le ragioni della sua morte. In questo percorso di ricerca Ciccio imparerà la lezione più importante della sua vita: il perdono.

 

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square