Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Segna-libri: "L'ultimo ballo di Charlot"

May 24, 2018

 

 

Fabio Stassi "L'ultimo ballo di Charlot"

 

Una lunga lettera-biografia scritta al figlio ancora bambino da un Chaplin ormai anziano e giunto al termine della sua esistenza. Spinto dal Desiderio di veder crescere il figlio ancora piccolo, Chaplin stringe un patto con la Morte: un anno di vita se riuscirà a farla ridere. E se il desiderio è mancanza, dare significato ad una mancanza, saranno le sue “mancanze” di uomo ormai anziano a procurare ilarità alla Morte e anni di vita a Charlot.

La lunga narrazione  si intreccia con la nascita del cinema, che prende vita da un’altra potente forza che porta l’Uomo a realizzare l’impensabile: la Passione. La “scatola” che rende eterno il movimento scaturisce dalla passione amorosa di Arléquin, inserviente di un circo, per una ballerina che sta per partire verso la lontana America. La passione, potente e totalizzante attivazione emotiva, può divenire il fulcro attorno al quale si organizza la personalità di un Uomo e richiede con forza la relazione con l’oggetto d’amore. Arlequin inventa il cinematografo spinto dalla passione per Eszter e per tenere viva la relazione con lei attraverso l’Arte. Se il romanzo  svela la forza dei desideri e delle passioni, pone un ulteriore interrogativo: cos’è il Bisogno? Il bisogno sembra  interagire con il desiderio connotando una mancanza quasi fisica, corporea, urgente: il bisogno di sopravvivere, di procurarsi cibo e riparo spinge un giovanissimo Chaplin ad allontanarsi dalla famiglia , ma Chaplin cerca di soddisfare bisogni inseguendo desideri e passioni e la sua passione incontra  quella di Arléquin per la ballerina e amplificherà le potenzialità del cinematografo al di là di qualsiasi intento iniziale.

Nel finale la Morte si rivela e dirà a Charlot: “ Ho inventato il cinema per Eszter, Vagabondo. Perché restasse una goccia del suo splendore. E per te.”  E Charlot conclude: “Arléquin, vecchio mio, non c’è un film senza un inizio e un finale, e questo è un buon finale. Andiamo, prima che svanisca anche la luna”.

“…Aveva ragione, tutto svanisce, ma non i desideri che abbiamo avuto…” (p.279)

Il desiderio è l’eredità che lasciamo ai figli, l’eredità che  Charlot con la sua lettera-biografia lascia al figlio.

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square