Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Segna-Libri: “Hotel Silence”

May 22, 2018

Audur Olafsdottir "Hotel Silente" 

 

Questo splendido romanzo è stato votato come libro dell'anno dai librai islandesi, l'ho scelto come testo di lettura per il gruppo di libroterapia che conduco a Pesaro sul tema della "solitudine" indicato dai partecipanti.

Il protagonista è un uomo che decide di farla finita con le fatiche della vita dopo l'ennesima "sconfitta" che si ritrova a collezionare: il divorzio dalla moglie, la madre malata di alzheimer, l'atroce scoperta che l'adorata figlia in realtà non è sua.

Decide di andare a "morire" lontano da casa, in solitudine, appunto.

Parte per un paese lontano appena uscito da una guerra devastante che ha lasciato rovine e desolazione intorno a sè, prenota una camera all'Hotel Silence, primo tra i "turisti" che i coraggiosi gestori decidono di riaprire per tornare alla normalità.

Jonas si porta solo l'amata cassetta degli attrezzi, è infatti un tuttofare, e sarà proprio grazie a questa sua qualità che si ritroverà suo malgrado ad essere d'aiuto prezioso agli abitanti di quel paese in cui tutto manca e a riconnettersi con la sua voglia di vivere e di amare.

Un romanzo delicato e potente in cui si sopravvive alla solitudine incontrando altre solitudini, un libro di pace in cui la forza dell'umana solidarietà vince sull'orrore della guerra a sul dolore che la vita può portare.

"Ci sono ancora, sono ancora qui"

 

 

 

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square