Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Segna-Libri: “L'età dell'oro”

May 10, 2018

Jean London "L'età dell'oro" 

 

Il protagonista di questo romanzo è Frank, un adolescente di una famiglia ungherese sopravvisuta all'olocausto emigrata in Australia negli anni 50' che si ammala di poliomelite.

Per questo si reca al sanatorio per bambini chiamato "the Golden Age"(luogo realmente esistito) per curarsi, li incontrerà l'amore, per la poesia grazie all'amico Sullivan e per Elsa, coetanea che diventerà la sua musa: tra i due nascerà una bellissima storia d'amore intensa e poetica che influenzerà positivamente anche le vite dei familiari dei ragazzi nonchè quelle degli altri originali personaggi che popolano il romanzo.

Un romanzo che in Australia ha vinto molti premi importanti, scritto molto bene che attraverso la storia dei protagonisti tocca temi importanti come la guerra, l'immigrazione, la malattia e che soprattutto ci aiuta a ricordare come le cose più semplici della vita come un libro, una giornata al mare, il sorriso di chi amiamo siano quelle che ci donano gioia e ci fanno sentire vivi anche quando le avversità si insinuano nelle nostre vite.

In "The Golden Age" la poesia assume un ruolo conoscitivo, terapeutico, quasi salvifico che dona coraggio e forza:

 

"Devo trovarmi un posto

dove poter respirare.

E'lì che vive la poesia

nella parte più antica di noi stessi".

 

 

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square