Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Quasi una recensione

April 12, 2018

 

 

La Pioggia nel Pineto, Gabriele D’Annunzio; Lettera ad un giovane poeta, Rainer Maria Rilke

 

Una notte insonne…tanti pensieri… mi tiene sveglia il mio lavoro,  le parole e  i  gesti di persone cariche di una sofferenza  a volte difficile da  lasciare lì…nella piccola stanza del mio studio. Stanotte echi dell’angoscia di voci diverse si alternano in me, mi impediscono di rilassarmi e impediscono ai miei occhi di cedere all’incanto del sonno.
Leggere…non riesco, sono affaticata…la luce spenta è insopportabile, riempie di solitudine la mia veglia.
Pigramente prendo il telefono…mi viene in mente che da giorni avrei voluto leggere una poesia senza trovare  il tempo per cercarla: La Pioggia nel Pineto, vecchia reminiscenza scolastica, tornata alla mia mente in un giorno di pioggia, appunto.
Quale momento migliore!
Digito…
Come si vede che ho una certa età!
Non mi aspettavo affatto di veder apparire non solo il testo, ma la poesia recitata da un grande attore…corredata di immagini e di musica…uno spettacolo molto avvincente tutto per me! Che scoperta!
Credo che su quest’ode bellissima si sia detto tutto, inutili sarebbero mie ulteriori parole, piuttosto ho iniziato a  riflettere su quanto sia raro apprezzare una poesia o anche un’opera letteraria studiata a scuola… sull’onda di queste considerazioni e dell’entusiasmo dato dalla rivelazione dei mille “spettacoli” disponibili su YouTube, scovo “Lettera ad un giovane poeta” di R.M.Rilke.
Mi rapisce.
La grazia, la gentilezza, l’intensità della scrittura di Rilke- che già ne fanno il mio poeta preferito- qui si dispiega in una prosa elegante, chiara, interessante, mai saccente.
Un messaggio, un invito, un percorso delineato quasi scusandosi.
E già nell’apertura della sua lettera,  Rilke viene incontro ai miei pensieri sull’impossibilità di amare la letteratura a scuola: “per afferrare un’opera d’arte – ci dice fin dall’esordio- non c’è niente di peggio delle parole della critica”… “Le cose non sono tutte da prendere e da dire…Quasi tutto quello che avviene è inesprimibile e si compie in una regione invulnerata dalla parola”.
In poche righe Rilke ha detto l’essenziale. A scuola non si può amare La Pioggia nel Pineto, perché non la si deve spiegare, svolgere, capire, la si deve “sentire” e deve parlare a parti di noi che bisogna far vibrare e risuonare per dare loro una flebile e incerta parola.
E Rilke sa dirci molto bene quale sia la strada da seguire per avvicinarci  alla nostra essenza più profonda: “Il vostro sguardo” fa notare Rilke al giovane poeta che gli chiede un parere sui suoi versi, è volto verso l’esterno…Nessuno può portarvi consiglio o aiuto, nessuno. Entrate in voi stesso, cercate il bisogno che vi fa scrivere: esaminate se trae le sue radici dal profondo del vostro cuore”.
“Potrebbe darsi che dopo questa discesa nella vostra intima solitudine, dobbiate rinunziare a divenire poeta…Ma persino allora quel tuffo…non sarà stato vano. La vostra vita gli dovrà in ogni modo la sua vera strada”.
Poche, garbate parole…un progetto di vita.

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square