Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Segna-Libri: “I giorni dell'abbandono”

February 20, 2018

Elena Ferrante "I giorni dell'abbandono" Edizioni E/O

 

Quindici anni di matrimonio, due figli, una relazione coniugale nella “norma”, nessun segno apparente di crisi: Olga si aspetta di tutto tranne essere lasciata dal marito, ma proprio questo accade. Olga passa dalla ragionevolezza alla rabbia, dalla confusione all’attivismo frenetico, dalla bellezza del corpo curato al corpo sofferente e ferito: l’abbandono, male evidente, porta alla luce un male segreto con cui Olga è costretta a confrontarsi; esso apre in lei una voragine che la riporta all’infanzia, alle origini della sua inadeguatezza, al suo rapporto con sua madre, alle storie di altre donne “in frantumi”, una delle quali, “la poverella”, aveva perso tutto, anche il nome.  Così Olga precipita, giorno dopo giorno, in un “vuoto di senso” in cui rischia di perdersi, in cui tutto ciò che credeva di conoscere si confonde, diventa altro – la casa, i riti familiari, i figli, il marito, persino se stessa – una caduta rovinosa e incalzante che sembra avere una fine già scritta, simile a quella di Anna Karenina, nel romanzo che Olga ama. Ad un certo punto, però, succede qualcosa: Olga comprende che ciò che è estraneo può anche essere familiare, che le voci che la tormentano possono anche salvarla, che è per lei necessario “reimparare la vita senza la sicurezza di saperlo fare”: le ombre, in se stessa e negli altri, possono conciliarsi con le luci e nessuno può portarle via ciò che più autenticamente le appartiene.

 

 

 

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square