Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Segna-Libri: “Il grande Grabski”

December 7, 2017

Marco Rinaldi "Il grande Grabski" Fazi Editore

 

Quando proverete a cercare questo libro online, Google continuerà a riproporvi "Il grande Gatsby" considerando un errore la vostra stringa di ricerca. La vicinanza dei titoli è così forte che penso sia voluta la confusione, quindi partiamo da Fitzgerald. Andrew Le Vot, il suo biografo, scrive che il libro di Fitzgerald «riflette, meglio che in tutti i suoi scritti autobiografici, il cuore dei problemi che lui e la sua generazione dovettero affrontare… In Gatsby, pervaso com'è da un senso del peccato e della caduta, Fitzgerald assume su di sé tutta la debolezza e la depravazione della natura umana». Rinaldi riprende sicuramente il tema della debolezza umana ed in modo assolutamente ironico e divertente ci presenta un protagonista alla ricerca del suo vero sè e tutte le complicazioni, analista compreso, che incontra in questo suo viaggio dell'eroe. Il libro è scritto con consapevolezza, non è banale e proprio per questo il sorriso che facciamo ci lascia un po' di amaro in bocca, che però ci fa riflettere.

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square