Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W

Libroterapia al femminile

September 1, 2017

Amo vestire la libroterapia di colori sempre nuovi. 

Da quando nel mio lavoro di terapeuta uso il libro come specchio in cui conoscersi, trovarsi e riscoprirsi, mi piace sperimentare questa modalità di cura in sentieri sempre nuovi.

Ho in mente due avventure: il progetto “A fil di voce” che mi permette di arricchire la presa in carico psichiatrica con le parole dei romanzi, e il piccolo percorso di libroterapia al femminile “Cose da femmina”, ed è di quest’ultimo che vi vorrei parlare.

Guardo alla femminilità come a quel filo intimo di continuità del proprio esistere che permette di attraversare passaggi di vita e mutamenti, acquistando grazia e strati di bellezza nuova. 

Ho sempre pensato all’essere donna come una speciale sensibilità nel tenere assieme sentiti e desideri diversi, in un’identità che ogni giorno si mette in gioco e si svela, per questo ero curiosa di sperimentarmi in un percorso di libroterapia che si addentrasse in queste sfumature di donna.

Grazie a questa curiosità giocosa e la presenza di lettrici appassionate, ha preso il via COSE da FEMMINA, un mini percorso di libroterapia di quattro appuntamenti dove poter scorgere con naturalezza aspetti del proprio femminile,  presi per mano da quattro romanzi diversi.

Quello che avevo desiderio di creare era un luogo intimo e accogliente, lontano da etichette e fare incessante nel quale, con delicatezza, raccontarsi di sé attraverso i libri.

 

In questo viaggio poetico ed emozionante ci hanno fatto compagnia:

Sibilla Aleramo, con il suo romanzo “Una donna” (Ed. Feltrinelli), che con generosità ha regalato alle lettrici una consapevolezza di donna che scuote e riempie di gratitudine per quanto ricevuto;

Nora e Dora di Angela Carter (“Figlie sagge”, Fazi Editore) e la leggerezza pesante e scanzonata con cui spilluzzicano il mondo che le circonda;

l’Arminuta di Donatella di Pietrantonio  (Ed. Einaudi), con la sua sorellina Adriana, che ci hanno messo di fronte ad un materno che si dipana tra un ideale, che fatica a prender forma nel quotidiano, e l'irraggiungibilità di un “dare affetto” schiacciato da povertà segnate;

e la preziosa Annie Ernaux che, nel suo “Memorie di ragazza” (L’orma editore), fa dono di ricordi svelati e coraggiosi che ci sussurrano come dietro alle fragilità si nasconde un’identità potente e creativa, che diventa tale partendo dalle ceneri di una storia non sempre facile, che si fa tesoro per la nostra identità femminile.

 

Ne approfitto per ringraziare le lettrici di questo viaggio di parole, i vissuti e le emozioni di cui si siamo prese cura sono qualcosa che porto con me con attenzione e meraviglia.

 

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archivio
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square