Cerca

Ascoltare e Raccontare Storie

Ascoltare storie, per me, è sempre stato un nutrimento. Lo sapevo, senza saperlo, sin da piccola, sin da quando ascoltavo, con mio fratello, le storie di demoni e streghe che Norma ci raccontava sul dondolo di un’aia di campagna. Lì, per me, ha avuto inizio “il mistero” dell’ascolto: “mistero”, infatti, come dice Dario Fò nel suo “Mistero Buffo”, è qualcosa che ha a che fare con il “sacro”; è anche un racconto, un segreto, secondo l’etimologia. “Ascoltare storie” caratterizza oggi il mio essere terapeuta ed è una parte importante del lavoro di Libroterapia: “Dare parola ha sempre effetti terapeutici”, scrive M.T.Rodriguez e sapere ascoltare storie con passione e gratitudine, è la parte più v

Segna-Libri: “Le otto montagne”

Paolo Cognetti "Le otto montagne" Einaudi Le otto montagne e' un romanzo di formazione, che racconta il rapporto padri-figli e soprattutto narra la storia di un'amicizia nata nell'infanzia e vissuta in montagna. Pietro ( bambino introverso di citta') e Bruno (cresciuto in fretta in un paesino ai piedi del Monte Rosa) estate dopo estate vivono la loro amicizia fino all'eta' adulta. Nel silenzio e nella magia dei boschi, dei fiumi e delle vallate si svelano e si rivelano le anime dei protagonisti cosi diverse tra loro e allo stesso tempo cosi vicine. Poetico, malinconico e diretto questo romanzo trasmette al lettore un sentimento di speranza, la speranza tenace di chi, nonostante le avversi

Segna-Libri: “Pensiero Madre”

Federica De Paolis "Pensiero Madre" Neo “Pensiero Madre” è un libro composto da 17 racconti, in cui 17 donne si confrontano su cosa significa essere madre: il desiderio di un figlio, l’orologio biologico, la vita e la morte, le attese e le delusioni della relazione con il partner, la realizzazione di sé e il fallimento, l’umanità e l’assenza di umanità, la creazione di una vita e la creazione di un libro. Prospettive polifoniche che ci restituiscono la complessità della domanda e la pluralità delle risposte, in cui ogni lettore e lettrice possono, almeno in parte, riconoscersi e ampliare i propri pensieri ed emozioni in direzioni prima sconosciute. #segnalibri #BenedettaPazzagli

Segna-Libri: “L'amore invisibile”

Eric-Emmanuel Schmitt "L'amore invisibile" Edizioni E/O Ho scelto questo testo come lettura in un gruppo di libroterapia sul tema "L'amore in tutte le sue forme" proposto dai partecipanti. È, infatti, un bellissimo libro di racconti uniti dal filo conduttore dell'amore invisibile, quello di cui non si puo' parlare o non si riesce a mostrare. L'autore riesce a dar vita all'intimità più profonda dei personaggi: passioni, dolori ,fragilità umane vengono descritte senza mai giudicarle. Un autore eclettico, musicista e filosofo, lascia che le storie si rivelino da sé toccando il lettore e donando innumerevoli spunti di riflessione. #segnalibri #BarbaraVenturini

Segna-Libri: “Qualcosa”

Chiara Gamberale "Qualcosa" Longanesi Questo è un libro che ci aiuta a difenderci dal troppo e a far pace col niente. Il niente, il silenzio, il vuoto sono gradualmente rivalutati dalla protagonista, la quale oscilla tra il troppo pieno e il troppo vuoto come uniche condizioni dell’esistere. “Qualcosa di troppo”, questo il suo nome, arriverà a sperimentare, e infine ad accettare, la condizione dolorosa della perdita, del “buco nel cuore” – quel vuoto che le fa paura ma che le appartiene - fino a riuscire a trasformarlo in un “passaggio segreto” che permetterà all’altro amato – la madre, l’amico, il compagno di vita – di poter entrare. Il libro invita a recuperare il senso dell’esistenza come

Segna-Libri: “Il mio nome è rosso”

Orhan Pamuk "Il mio nome è rosso" Einaudi Protagonisti di questa storia ambientata ad Instambul sono quattro miniaturisti ed il loro maestro che dipingono le miniature raffiguranti le divinità della religione islamica. Ad uno dei quattro miniaturisti, Raffinato Effendi, viene commissariata dal maestro una miniatura da realizzare con il metodo occidentale, ma ciò costituisce un pericolo di contaminazione religiosa con il mondo occidentale. Per questa ragione ed anche per gelosia Raffinato effendi viene ucciso da uno degli altri miniaturisti. Questo libro narra il complesso percorso per giungere alla verità di questo delitto che si intreccia alle vicende di vita della figlia del maestro a cui

L'emozione di leggere

Artwork by David Zinn Qualunque sia il genere letterario preferito, la lettura di narrativa è senza ombra di dubbio un’attività capace di donare intense emozioni. Secondo lo psicologo e scrittore canadese Keith Oatley, quando ci immergiamo in un libro, noi mettiamo da parte per qualche tempo le nostre preoccupazioni e la nostra quotidianità, per farci carico di quelle dei personaggi del romanzo. In questo modo entriamo mentalmente in esperienze e situazioni che non sono le nostre abituali. Geoff Kaufman e Lisa Libby definiscono questo fenomeno experience-taking, prendere in sé l’esperienza dell’altro (in assonanza con il concetto di perspective-taking). Alle circostanze narrate reagiamo emot

Copyright Rachele Bindi  © 2015

PROPRIETA' INTELLETTUALE

I contenuti di questo sito sono riproducibili esclusivamente citando l’autore e la fonte, includendo un link attivo diretto alla pagina dell’articolo, e solamente per fini non commerciali.

DISCLAIMER IMMAGINI

Quasi tutte le foto o immagini presenti attualmente nel sito (ove non diversamente indicato sulla foto stessa) sono situate su internet e costituite da materiale largamente diffuso e ritenuto di pubblico dominio. Su tali foto ed immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore e non è intenzione dell’autore del sito di appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui, pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto, immagine o oggetto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@rachelebindi.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), oppure rimuovere definitivamente la foto (o altro).

  • Facebook B&W